Sono nata a Palermo, ma ho trascorso i primi anni della mia vita a New York con la mia famiglia. Mi sono laureata in Economia e Commercio all’Università di Palermo e ho seguito vari corsi di approfondimento in materie economiche, tra cui un corso di Gestione aziendale all’Università di Lione in Francia. Ho intrapreso attività lavorative in ambito economico, in seguito divenendo direttore del personale.
Nel 2013 mi sono dimessa dal mio lavoro per dedicarmi interamente alla fotografia. Una passione trasmessami da mio padre che fin da bambina mi ha fatto vedere il mondo attraverso l’obiettivo. Ho sempre visto la fotografia come una forma d'arte che cattura gli attimi attraverso l'occhio attento, lucido e sensibile del suo "strumento", l'uomo. Così nel tempo ho seguito corsi, sia in aula che on line, ho visitato mostre fotografiche di artisti di fama internazionale, ho studiato e mi sono documentata attraverso supporti didattici per confrontarmi e crescere. Dal maggio del 2016 ho cominciato a lavorare al progetto sugli antichi mestieri siciliani incontrando gli artigiani delle province di Palermo, Gangi, Giuliana, Bagheria, Cefalù, Partinico e Custonaci all’interno delle proprie botteghe. La mostra fotografica itinerante, dal titolo “Ieri, oggi, domani chissà… Quando le mani sono Arte, gli Antichi Mestieri sopravvivono”, promossa dall’Istituto Comprensivo
“P. Mattarella – Bonagia” e accolta dal comune di Palermo, dall’Assessore alla scuola e dal Presidente di Confartigianato, abbraccia l’idea di partire dalle scuole per promuovere la conservazione delle tradizioni popolari. Nel gennaio del 2017 un mio scatto ha vinto il contest fotografico bandito dall’Unesco per la preservazione del patrimonio arabo – normanno. La foto è oggetto di una mostra e di pubblicazione su catalogo. A dicembre 2017 è uscito il mio primo libro su Palermo, edito da Spazio e Cultura, dal titolo: Palermo, non vorrei contraddirti. Scatti e cunti di una città che incanta. Sono inoltre impegnata in altri due progetti editoriali.


"Trovare qualcosa di nuovo, qualcosa che nessuno avrebbe potuto immaginare prima, qualcosa che solo tu puoi trovare perchè, oltre ad essere fotografo, sei un essere umano un po' speciale, capace di guardare in profondità dove altri tirerebbero dritto." Margaret Bourke-White

email

gloriaminafra022@gmail.com

social

me on Facebook me on Instagram

loading